vacca

KEYWORDS

workshop con Marco Vacca
Quando: martedì 22 maggio, dalle 18 alle 22
Costo: 90 euro (più tessera associativa)

In un mercato mondiale, globalizzato e costituito da gigantesche banche immagini,
saper inserire le parole giuste nei metadati delle proprie fotografie e quindi nella banca dati dell’agenzia che vi distribuisce è fondamentale.
Se non si è in grado di comprendere l’importanza di questa “noiosa” operazione di post produzione è bene dare per perso il frutto della fatica ed i relativi futuri guadagni.
Nel mondo della fotografia materiale, analogica, esisteva la figura dell’archivista che nell’agenzia fotografica o nel giornale fungeva da “memoria” di quel che l’agenzia aveva a disposizione; nel mondo digitale le parole chiave sono la “memoria” inserita nella fotografia stessa ed è soltanto attraverso di esse che le immagini possono tornare alla superficie per essere usate.
Il mercato mondiale della fotografia è basato su pochi players, il più grande dei quali ha in archivio più di 80 milioni di immagini che aumentano ogni giorno.
Se si decide di affrontare il florido mercato della fotografia di stock, oltre a fare delle buone fotografie (e per buone non si intende non solo valide tecnicamente ma appetibili per il mercato ed i suoi trend ) bisogna sapere maneggiare con abilità, velocità ed intuito il linguaggio del keywording: riconoscere gli elementi fondamentali in una immagine, imparare ad entrare nella testa dei fruitori ed essere quindi in grado di inserire le indicazioni e le ispirazioni che quelle immagini suscitano. In questo mercato la regola aurea delle 5 W è oramai condizione necessaria ma non più sufficiente.
In questo workshop svilupperemo tematiche legali relative agli usi che delle immagini il mercato può fare e come comportarci davanti a fotografie in cui compaiono prodotti sottoposti a Trade marks o a copy rights .

1 Quando si ha bisogno di una liberatoria per persone ed immagini?
2 Che differenza c’è tra un uso editoriale e un uso commerciale?
3 Quali canali utilizzare per individuare i trend fotografici del momento?
4 Come produrre e postprodurre immagini da inserire nel mercato commerciale
5 Individuazione di partner commerciali : agenzie fotografiche specializzate nelle foto di stock
Di tutto questo e di come funziona il mercato mondiale della fotografia di Stock parleremo nel workshop, tenendo come linee guida una serie di esercitazioni atte a prendere dimestichezza con l’inserimento delle parole chiave per rendere più coinvolgente la lezione, insieme al materiale di studio sottoposto dal docente, si incoraggiano i partecipanti a portare dalle 3 alle 5 immagini ognuno da sottoporre ad analisi e ad attribuzione delle parole chiave.

 

Fotoreporter dal 1990 dopo aver lavorato in altri ambiti della fotografia professionale, ha prodotto storie in Iraq, Israele, Rwanda, Kosovo, Sud Sudan, Darfur, Ciad, Ghana, Giappone, Emirati Arabi. Ha seguito le elezioni presidenziali in USA nel 2000 e documentato New York dopo l’attentato alle Twin Towers; Si è divertito a raccontare la passione degli italiani per il fitness da cui è scaturita una mostra ed un libro dal titolo “Body in Italy” . Ha pubblicato “Refugees” un lavoro sulla condizione delle popolazioni del Darfur la cui mostra è stata esposta ai musei del Vittoriano a Roma e allo spazio Forma a Milano. Si è cimentato con la multimedialità per raccontare la piaga dell’Aids in Kenia. Si è occupato dei mutamenti nell’area mediorientale/africana ed i flussi migratori verso l’Europa che ne sono derivati. Una selezione dei suoi lavori sulle rivoluzioni in Egitto e Tunisia è stata ospite al New York Photo Festival .
Il suo reportage sulla carestia in Sud Sudan è stato premiato nel World Press Photo 1999. Ha insegnato fotografia / fotogiornalismo nei Master di Forma – Contrasto e nel Master in visual
design presso NABA. Ha tenuto ultimamente una lectio sul fotogiornalismo alla facoltà di Design presso il Politecnico Bovisa. E’ laureato in Filosofia, vive a Milano ed è Getty Images Contributors .